Stati

Grand Teton WY

Gli Stati Uniti d’America sono composti da 50 Stati e dal distretto federale di Washington.

Quasi tutti gli Stati sono confinanti tra loro ad eccezione di Alaska ed Hawaii. Sono, inoltre, raggruppati in 5 grandi aree geografiche: la costa orientale (East Coast), il sud (South), il Midwest, la zona montana (Mountain states, compreso il Southwest), e la costa occidentale (West Coast). Pur godendo di una certa autonomia alcune materie, come quelle che riguardano difesa e politica estera, sono demandate all’esclusiva competenza del governo centrale degli Stati Uniti.

Enumerare gli Stati Uniti al completo può diventare un gioco o una sfida, in una puntata della nota serie tv “Friends”, Ross, uno dei personaggi, sfida sé stesso ad enumerare i 50 Stati, arriva a 48 e perde la notte (e la cena) per completare la lista con i due Stati mancanti.

Proviamo ad elencare i 50 Stati: Alabama, Alaska, Arizona, Arkansas, California, Colorado, Connecticut, Delaware, Florida, Georgia, Hawaii, Idaho, Illinois, Indiana, Iowa, Kansas, Kentucky, Louisiana, Maine, Maryland, Massachussets, Michigan, Minnesota, Mississippi, Missouri, Montana, Nebraska, Nevada, New Hampshire, New Jersey, New Mexico, New York, North Carolina, North Dakota, Ohio, Oklahoma, Oregon, Pennsylvania, Rhode Island, South Carolina, South Dakota, Tennessee, Texas, Utah, Vermont, Virginia, Washington, West Virginia, Wisconsin,Wyoming. Sono 50, ma sfido ogni americano a non perdere il conto!

Gli Stati Uniti d’America hanno a lungo rappresentato la terra promessa per molti dei nostri predecessori, pronti ad affrontare un viaggio oltreoceano e della durata di due giorni in cerca di fortuna. Oggi, pur conservando quest’aurea di luogo delle possibilità, nuovo mondo e trend-setter, l’America è più una meta turistica che non luogo di emigrazione (anche se molti giovani sono costretti ad emigrare nel mondo, e non specificatamente in America), gli aerei hanno abbattuto le distanze, sono otto ore di volo, o poco più, da Milano a New York.

Devils_Tower_11

L’America è così vasta che quando si intraprende un viaggio è bene avere un’idea più precisa: East Coast o West Coast? Città o gita on the road, mare o montagna? Le opzioni non sono poche.

A rimarcare la natura composita degli Usa c’è il tema delle lingue parlate. La maggior parte degli Stati Uniti d’America parlano l’inglese come lingua ufficiale, nello Stato delle Hawaii è ufficiale l’hawaiiano seppure parlato da una ristretta minoranza della popolazione, sono invece bilingui la Louisiana ed il Maine, dove si parla inglese e francese, il Nuovo Messico, dove si parla inglese e spagnolo, la Pennsylvania, inglese e tedesco.

Secondo un censimento risalente al 2000, su 262 milioni di abitanti ben 47 milioni (il 18%) parla nell’ambiente familiare una lingua diversa dall’inglese. Nel novero delle lingue più parlate, e diverse dall’inglese, compaiono lo spagnolo, il cinese, il francese, il tedesco, il vietnamita, l’italiano, il coreano, il russo, il polacco, l’arabo, il portoghese,l’azero, il giapponese, il creolo francese, il greco, l’hindi, il persiano, l’urdu e il gujarati. Poi ci sono le lingue amerinde indigene, tra queste il navajo, il dakota, l’apache ed altre. Un vero e proprio melting pot.

Altrettanto varia è la cucina, arricchita da tanti influssi. In America si compie un sapiente intreccio ed integrazione di usanze gastronomiche diverse ed appartenenti a buona parte del pianeta. Non mancano le interpretazioni libere delle varie cucine, un esempio emblematico sono “le Fettuccine all’Alfredo”, un piatto diffuso in tutti i ristoranti italiani degli Usa e che ben pochi italiani conoscono. Probabilmente nato grazie all’estro di un nostro connazionale, italiano, emigrato chissà quando o ad un suo personale concetto di sapore italiano.

Glacier NP – MT (2)

Nel discorso relativo alla componente varietà, non può mancare un accenno al clima degli Stati Uniti. Il Paese, vastissimo, comprende quasi tutti i climi possibili e immaginabili al mondo. La parte più meridionale della Florida e le Hawaii hanno un clima tropicale. Nei settori orientali, il clima è umido continentale negli Stati del nord e umido subtropicale in quelli del Sud. Le Grandi Pianure del Midwest sono semi-aride. Gran parte delle regioni montane dell’Ovest sono caratterizzate da un clima alpino.

Il clima è arido nel Gran Bacino, desertico nel Sud-Ovest, è mediterraneo lungo la costa californiana, oceanico lungo le zone costiere di Oregon, Washington e Alaska meridionale.
Le zone più calde sono al confine con il Messico, nel sud/ovest degli Stati Uniti, ma anche in altri posti come il Nevada, l’Arizona o la California del sud.
Negli Stati Uniti d’America sono frequenti anche fenomeni meteorologici estremi: le regioni costiere lungo il Golfo del Messico sono soggette al rischio uragani, le grandi pianure centrali a violenti tornado.

Comments on “Stati”

shake said:

Certamente una svista, probabilmente il viaggio dei nostri predecessori durava non un paio di giorni, ma un paio di mesi 🙂

Leave a Reply